"Il patrimonio greco, criticamente purificato, parte integrante della fede cristiana" (Benedetto XVI)

"La cultura dell’Europa nata dall’incontro tra Gerusalemme, Atene e Roma" (Benedetto XVI)

 

  HomeChi siamoLa rivistaTestiDidatticaAttivitGuestbookVariaCerca
Nota


 

P. Kln 21351 
col. I ll.9-12, col. II ll. 1-8 + 21376; P. Oxy 1787 ll. 11-22

ἰ]ο̣κ[ό]λ̣πων

κάλα δῶρα, παῖδες,
τὰ]ν̣ φιλάοιδον

λιγύραν χελύνναν
 

] π̣οτ̣’ [ἔ]ο̣ντα

χρόα γῆρας ἤδε
ἐγ]ένοντο τρίχες

ἐκ μελαίναν


βάρυς δέ μ’ὀ [θ]ῦμο̣ς̣ πεπόηται, γόνα

δ’οὐ φέροισι,
τὰ δή ποτα λαίψη̣ρ’ ἔον ὄρχησθ’ ἴσα

νεβρίοισιν

τὰ στεναχίζω θαμέως· ἀλλὰ τί

κεν ποείην;
ἀγ̣̣ήραον ἄνθρωπον ἔοντ’ οὐ δύνατον

γένεσθαι.


καὶ γάρ π̣[ο]τ̣α̣ Τίθωνον ἔφαντο

βροδόπαχυν Αὔων
ἔρωι δ..α̣.εισαν βάμεν’ εἰς

ἔσχατα γᾶς φέροισα


ἔοντα̣ [κ]ά̣λ̣ο̣ν καὶ νέον, ἀλλ’

αὖτον ὔμως ἔμαρψε [
χρόνωι π̣ό̣λ̣ι̣ο̣ν̣ γῆρας ἔχ̣[ο]

ν̣τ̣’ ἀ̣θ̣α̣νάταν ἄκοιτιν

che hanno il seno di viola

i bei doni, ragazze,

l'acuta

lira cara al canto.

 

la pelle che un tempo era

la vecchiaia ormai

(bianchi) divennero i capelli

da neri che erano;

 

pesante mi si fatto il cuore; e le ginocchia
non pi mi portano,

esse che un tempo erano nel danzare agili

pari a cerbiatti.

 

Questo io spesso lamento: ma che

potrei farci?

non esiste uomo che possa essere

indenne da vecchiaia.

 

Infatti anche di Titono un giorno dicevano che

Aurora dalle braccia di rosa

colpita da amore lo port agli

estremi confini della terra

 

quando era bello e giovane, ma

lui ugualmente colse

col tempo la canuta vecchiaia,

lui che pure aveva una sposa immortale.



 

Le prime due strofe secondo le integrazioni exempli gratia proposte da M. L. West, "The New Sappho.” Zeitschrift fr Papyrologie und Epigraphik 151 (2005):1–9

῎Υμμες πεδὰ Μοίσαν ἰ]ο̣κ[ό]λ̣πων
κάλα δῶρα, παῖδες,
σπουδάσδετε καὶ τὰ]ν̣ φιλάοιδον
λιγύραν χελύνναν·

ἔμοι δ᾽ἄπαλον πρίν] π̣οτ᾽ [ἔ]ο̣ντα
χρόα γῆρας ἤδη
ἐπέλλαβε, λεῦκαι δ’ ἐγ]ένοντο

τρίχες ἐκ μελαίναν·

 

Voi ai piedi delle Muse che hanno il seno di viola

i bei doni, ragazze,

affrettatevi a porre e l'acuta

lira cara al canto.

 

A me la pelle, che un tempo era morbida,

la vecchiaia ormai

ha rapito, e bianchi divennero i capelli

da neri che erano;





P.Sapph. Obbink e P.GC inv. 105

 [π- ()
 [ ]
 λα̣[
 ]σέμα̣[

ἀλλ’ ἄϊ θρύλησθα Χάραξον ἔλθην
νᾶϊ σὺμ πλήαι τὰ μέν̣, οἴο̣μα̣ι, Ζεῦς
οἶδε σύμπαντές τε θέοι σὲ δ᾽οὐ χρῆ
ταῦτα νόηισθαι,

ἀλλὰ καὶ πέμπην ἔμε καὶ κέλεσθαι
πόλλα λίσσεσθαι̣ βασί̣λ̣η̣αν Ἤρ̣αν
ἐξίκεσθαι τυίδε σάαν ἄγοντα
νᾶα Χάραξον,

κἄμμ’ ἐπεύρην ἀρτέμ̣εας τὰ δ’ ἄλλα
πάντα δαιμόνεσσι̣ν ἐπι̣τ̣ρόπωμεν
εὐδίαι̣ γὰ̣ρ̣ ἐκ μεγάλαν ἀήτα̣ν̣
αἶψα πέλ̣̣ο̣νται

τῶν κε βόλληται βασίλευς Ὀλύμπω
δαίμον’ ἐκ πόνων ἐπάρ{η}ωγον ἤδη
περτρόπην, κῆνοι μ̣άκαρες πέλονται
καὶ πολύολβοι.

κἄμμες, αἴ κε ϝὰν κεφάλαν ἀέρρῃ
Λάριχος καὶ δήποτ᾽ἄνηρ γένηται,
καὶ μάλ’ἐκ πόλληαν βαρ̣υθύμ̣ιάν̣ κεν
αἶψα λύθειμεν.




ma tu continuamente ripeti che Carasso arriva
con la nave piena: queste cose, penso,
Zeus
le sa e tutti quanti gli di, ma tu non devi
pensare a questo,

bens a congedarmi e invitarmi
a rivolgere molte suppliche a Era sovrana:
che giunga fin qua portando in salvo
la sua nave Carasso,

e che sane e salve ci trovi: le altre cose
tutte quante affidiamole agli di,
il bel tempo infatti dopo grandi tempeste 

d’improvviso si avvera.

Coloro a cui volesse il signore di Olimpo
mandare un dio che infine
dalle fatiche
li sostenga, quelli diventano felici
e molto prosperi.

E noi, se alzasse la sua testa
Larico e finalmente diventasse un vero uomo,
allora veramente
da molte tristezze
subito saremmo liberate.

 









 



Condividi su Facebook

Print Friendly and PDFCliccando sul bottone hai questa pagina in formato stampabile o in pdf



Per tornare alla home
Per contattare la Redazione


Questo sito fa uso di cookies. Privacy policy del sito e autorizzazione all'uso dei cookie: clicca qui