NOTA

Offriamo in questa pagina il testo e la traduzione di due frammenti di Saffo che sono stati acquisiti recentemente alla nostra conoscenza. Per la veritÓ, uno dei due frammenti era giÓ noto e presente come fr. 58 nell'edizione di Saffo curata da E. Voigt: una scoperta papiracea ha permesso di leggere in maniera pi¨ completa versi di cui erano rimasti solamente frustuli. Il secondo frammento Ŕ invece scoperta recente: malgrado il carattere mutilo del carme (manca certamente  all'inizio almeno una strofa, di cui resta appena qualche brandello), e malgrado l'impossibilitÓ di individuare in modo certo l'interlocutore a cui Saffo si rivorlge, il testo Ŕ abbastanza leggibile: sta per tornare dall'Egitto Carasso, il fratello di Saffo, con una nave carica di merce, e la poetessa si augura che tutto possa andare per il meglio. Nella parte finale viene ricordato anche l'altro fratello, Larico, con un accenno di interpretazione difficile. Come Ŕ ovvio, la difficoltÓ di inquadrare esattamente il carme in un contesto ha suscitato un approfondito dibattito fra gli specialisti. Non intendiamo qui nÚ discutere le moltissime proposte di lettura e di interpretazione che sono state fatte, nÚ tantomeno proporne di nuove. Chi volesse avere un quadro generale della questione, con un'analisi esauriente della bibliografia e osservazioni sempre equilibrate, pu˛ consultare la monografia di Roberta Granato, La nuova Saffo: commento ai frammenti di Colonia e al papiro Obbink (P.K÷ln inv. 21351 + 21376, P.Sapph. Obbink),  reperibile in rete (clicca sul link): il lettore vi troverÓ anche una Bibliografia molto ampia a cui fare riferimento per approfondire i molti aspetti di entrambi i carmi.

Torna alla pagina principale