Nuova pagina 1
 

 

 

 

"Il patrimonio greco, criticamente purificato, è parte integrante della fede cristiana" (Benedetto XVI)

"La cultura dell’Europa è nata dall’incontro tra Gerusalemme, Atene e Roma" (Benedetto XVI)

 

  HomeChi siamoLa rivistaTestiDidatticaAttivitàGuestbookVariaCerca

 

Atene e la parola

(Palermo, 13 marzo 2006)

Presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Palermo la prof. Giulia Regoliosi ha svolto un'ampia relazione, dal titolo "Atene e la parola". La relazione si inseriva nel quadro dell'interessante iniziativa seminariale "Laboratorio Penalistico 2006, dal dramma classico alla simulazione processuale", elaborata e proposta dal prof. Vincenzo Militello, ordinario di diritto penale presso l'Università di Palermo. Il seminario, già attivo da diversi anni, si propone di fornire agli studenti un'occasione di trattare casi pratici di rilevanza penale, stimolandoli all'elaborazione di tesi accusatorie e difensive in relazione ai fatti esaminati ed alla loro rilevanza penale, prendendo spunto da testi teatrali  moderni e film (come è avvenuto nelle passate edizioni del Seminario) o da tragedie greche, come è il caso di questa edizione 2006: la scelta delle tragedie oggetto di lettura è caduta sulle Troiane e sull'Ecuba di Euripide, che, oltre ad essere le tragedie rappresentate nel corso degli spettacoli proposti a Siracusa dall'INDA, si prestano molto bene a una lettura "processuale", per la presenza di scene e momenti che propongono dispute accese tra personaggi che assumono l'aspetto di veri e propri dibattiti processuali.

La relazione della prof. Regoliosi ha delineato  il senso del tragico e il valore della parola in Grecia, e si è  conclusa con una presentazione della tragedia Le Troiane di Euripide.

Alla relazione, preceduta da un'ampia introduzione del prof. Militello che ha presentano il valore e sugli scopi dell'iniziativa,  ha fatto seguito una lettura scenica quasi integrale della tragedia, curata dagli studenti Giovanni Vesco e Luca Lucchesi. Pur nella sobrietà del contesto, la lettura si è avvalsa di soluzioni teatrali molto interessanti (per esempio la lettura contemporanea dei cori in due diverse traduzioni, una più poeticamente sostenuta e una più moderna e prosastica, leggermente sfasate così che l'ascoltatore potesse continuamente mettere a confronto le due diverse versioni del testo greco) ed è stata seguita con molto interesse dai numerosi studenti presenti.

L'intensa mattinata si è conclusa con un dibattito, in cui sono intervenute varie voci di docenti e studenti, che hanno messo in rilievo diversi aspetti, giuridici, teatrali, linguistici, poetici della tragedia presentata.

L'iniziativa seminariale procederà con una presentazione dell'Ecuba, a cui faranno seguito alcune lezioni di diritto processuale, e infine si avrà una gara tra squadre di studenti che simuleranno una competizione processuale. La fase finale dell'iniziativa, con la proclamazione della squadra vincitrice, si svolgerà nella splendida cornice di Siracusa.

Per quanto riguarda in particolare l'intervento di Zetesis, dobbiamo sottolineare l'interesse e la novità che ha costituito per noi la partecipazione a questa iniziativa. Avendo avuto occasione di collaborare con studiosi di discipline giuridiche, siamo stati sollecitati a una lettura della tragedia che ci ha permesso di verificare ipotesi nuove aprendo prospettive di lavoro interessanti e promettenti.

 

Stampa questa pagina (versione printer friendly)

Per saperne di più sul "Laboratorio penalistico 2006"

Galleria di immagini (clicca sull'immagine per vederla nelle sue dimensioni originali)

 

 

(torna alla pagina Iniziative)

(torna alla homepage di Zetesis)

Per tornare alla home
Per contattare la Redazione


Questo sito fa uso di cookies. Privacy policy del sito e autorizzazione all'uso dei cookie: clicca qui