Artwork by: The Art of 4thorder :::: http://www.4th.cc ::::

 

 

 

 

 

 

 

Galleria fotografica

Usare le frecce per spostare le immagini. Clic sull'immagine per ingrandirla in una nuova finestra. Doppio clic sulla finestra per chiuderla.

 

Resoconto di un Convegno

Encuentro internacional de estudios clásicos

Fra il 25 e il 28 agosto 2008 si è svolto  ad Alessandria d’Egitto nell'affascinante cornice della rinnovata e moderna Bibliotheca Alexandrina l’undicesimo Encuentro internacional de estudios clásicos organizzato dal Centro de estudios clásicos operante all’interno della facoltà letteraria dell’Università metropolitana di Santiago de Chile. Con questa realtà culturale Zetesis è da tempo in rapporto, ed è in corso uno scambio fra la nostra rivista e la loro, Limes. Pertanto sia il presidente del Comitato scientifico, prof. Moreno Morani (in qualità di relatore), sia il direttore di Zetesis hanno partecipato al convegno.

 

Il titolo, Ruta hacia los orígenes, era particolarmente interessante, non solo per il fascino che sempre suscita il tema del viaggio, ma soprattutto perché implicava il riconoscimento delle comuni origini europee coi partecipanti per lo più sudamericani e  un interesse per tutta la realtà del Mediterraneo, la sua storia e i suoi problemi attuali. La tematica ha avuto il suo punto di forza nella vicenda di Enea, il cui viaggio è stato realmente una via verso le origini.  Ne sono prova le quattro relazioni dedicate al personaggio:

“Alas velis damus”: en busca de un nuevo espacio sacro para nuestros penates di Giuseppina Grammatico, organizzatrice del convegno e direttrice del Centro de estudios clásicos

La ruta de Eneas di Gilda Pandolfi, dell’Università Metropolitana di Santiago

“Italiam non sponte sequor” di Moreno Morani, dell’Università di Genova

Eneias na épica grega di Marìa da Fátima Silva, dell’Università di Coimbra (Portogallo)

 

E’ stata un’importante occasione per affrontare un tema che ci è particolarmente caro, soprattutto attraverso la discussione sul concetto di eroe riferito ad un personaggio la cui grandezza umana consiste essenzialmente nell’obbedienza al destino.

Fra gli altri interventi, tutti molto interessanti, ricordiamo, in stretto legame col tema:

 

El ritorno de Helena. De lo meravilloso a lo cotidiano di Juan Tobías Nápoli, dell’Università di La Plata (Argentina)

El Mediterráneo antiguo. El espacio y la historia di Nicolás Cruz della Pontificia U.C. de Chile

El Mediterráneo y Europa. Orìgenes y proyectos comunes desde el mundo minoico al romano di Alejandro Bancalari dell’Università di Concepción (Chile)

E, in un’ottica filosofico/teologica:

En ruta hacia sí mismo. Pathos y phobos en Aristóteles  di Hardy Neumann della Pontificia U.C. di Valparaíso (Chile)

La ruta hacia la salvación. Juliano y los alejandrinos  di Felipe de Saavedra dell’Università di Minas Gerais (Brasile)

Apóphasis y kénosis en Dionisio Pseudo Areopagita di Cicero Cunha Bezerra dell’Università di Sergipe (Brasile).

 

Il convegno si è concluso con un momento particolarmente suggestivo. E’ stato proiettato un DVD con testi poetici sul tema del viaggio di diverse epoche e autori: i partecipanti recitavano a turno i testi nelle lingue originali (il DVD riportava anche la traduzione spagnola) ed erano quindi in gran parte coinvolti in una performance dal grande fascino.

 

 

Stampa questa pagina (versione printer friendly)

NB. Le immagini del Viewer contengono, nell'ordine: Il piazzale antistante la Biblioteca di Alessandria. Una veduta dell'edificio della biblioteca. Il muro con gli alfabeti e le piante di papiro (immagine anche dello sfondo di questa pagina). Un busto di Alessandro Magno, sul piazzale della Biblioteca. La sala di lettura con la sua moderna strumentazione. Il Direttore di Zetesis con Demetrio Falereo (atrio della Bibioteca). Statua dei Atena, nell'atrio dell'edificio che ospita i Congressi. La sala del Congresso: le bandiere della nazioni delle quali erano presenti relatori. Un momento dei lavori del Congresso. Tramonto ad Alessandria (sull sfondo si nota il Forte medievale, costruito in parte coi resti del Faro, collocato originariamente all'estremità dell'isola di Faro, successivamente inabissata a causa di movimenti tellurici che hanno interessato la zona).

Chiudi finestra

4thorder(TM) Code Snippets and Full Scripts